TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Lista Articoli I Nostri Grandi I Nostri Grandi

Aneddoti su Temistocle Calzecchi Onesti

Rating 2.4/5 (9 votes)

Il grande scienziato T. Calzecchi Onesti, nostro conterraneo, inventore del coherer che tanta importanza ebbe per l’invenzione della radio, non era soltanto un grande fisico ed educatore ma anche un uomo di sana bonomia sapienzale e componeva delle poesiole per le sue scolarine sordomute.

Ecco una fedele ed ironica pittura di se stesso:

De natura so fattu custimò
che se me se commanna: Venne qua!
allora è quanno vaco pè nningnò.

Questa, invece, è una delle sue poesie. A sua madre un’amica aveva lasciato in custodia un pulcino che poi è morto.
Temistocle racconta il fatto così:

LU PUCI’

Quanno te vò succede che disgrazia
de nisciu' santi pò jovà la grazia.

E se ben pregavi lu Bambinu,
Marì mia, schiattava, lu pucinu.

Che gne s'è fatto, pora limanuccia,
Eppure ha vuto stenne la linguccia!

Ecco casa se piagne, se dispera
Pella morte de quella pora fera...

<E che dirrà Marì?!>. Bé, che dirrai?
Che lacrimetta, sci la piagnerai.


Pensa, però, che intanto lu pucì
De mejo morte non potea morì!

Che se crescea, pollastru o gajinella,
Saria jitu a finì su la padella...

(Temistocle Calzecchi Onesti)

Ascolta LU PUCI (mp3)